Un erborista di altri tempi

Professionista serio erborista Rovigo
L'erboristeria di Diego

Voglio parlare del mio erborista di fiducia perché in tanti anni che lo conosco ho appreso molto più da lui che dal mio dottore di famiglia, forse anche perché quest'ultimo non lo vedo mai, grazie alle conoscenze che, nel tempo, il mio amico erborista mi ha trasmesso.


Erboristeria seria Rovigo

Il mio erborista si chiama Diego Lionello e lo conosco da quando avevo 14 anni: già allora, anche mio padre si rivolgeva a lui per cure e ritrovati erboristici, traendone grande beneficio, infatti, più di una volta, Diego è riuscito là dove i medici hanno fallito. Non voglio dire che lui sia una persona che può tutto ma per lo meno ha le conoscenze giuste che possono aiutare chi soffre di malanni vari e si affida con fiducia alle sue cure. Diego è un personaggio dal carattere forte, a tratti mite ma che improvvisamente può spazientirsi nel caso di persone con un carattere "particolare" e che magari, pur non sapendo nulla di medicina naturale, vorrebbero arrogarsi il diritto di insegnare a lui che lavora come erborista già da qualche decennio.

Bacheca informativa dell'erboristeria di Diego

Il mio erborista proviene da una tradizione legata alla natura, ai campi, al lavoro duro legato alle piante e non certo da qualche famiglia (nulla di male per carità) abituata più a leggere che a fare. Diego ha iniziato ad avvicinarsi alle colture fin da giovane grazie alla presenza di un uomo che lo affiancò, educandolo, insegnandogli tutto ciò che conosceva delle piante e dell'agricoltura, poi purtroppo, questa persona si ammalò di tumore perché non voleva, durante i trattamenti chimici delle piante, mettere la mascherina di protezione, avvelenandosi con gli effluvi mefitici della chimica che ancora oggi viene usata dagli agricoltori. Poco dopo, quest'uomo morì proprio durante il periodo di ferma militare di Diego: la cosa lo colpì particolarmente ma mai avrebbe pensato che, anche una sua zia, di lì a poco, si sarebbe ammalata di tumore e, pur curata con tutta la scienza medica, morì dopo tribolazioni indicibili.

Questa nuova perdita fece avvicinare Diego a nuove vie di cura, si interessò di particolari forme mediche non riconosciute dalla medicina allopatica, frequentò il corso di agricoltura biodinamica alle Orsine a Pavia, facendo poi seguire il corso di erboristeria a Urbino, dove incontrò altri erboristi molto addentrati alla materia con cui scambiare opinioni e punti di vista che lo avrebbero per sempre segnato. A quel tempo, si parla intorno al 1990, non c'erano molti libri su queste tematiche e, ancora oggi, Diego possiede dei libri particolarmente interessanti e introvabili, da cui prende spunto a volte. 

Anche sua nonna gli diede una ano durante questo periodo molto difficile di mutazioni, di conoscenza della verità interiore, di ricerca della propria via. Personalmente sono orgoglioso di aver conosciuto e poter fregiarmi di conoscere un così bella persona, dalla quale ho appreso molto di quello che so e che, insieme a mio padre, mi ha insegnato tantissimo. Se vorrete anche voi fare un salto da Diego potete andare in via Corso del Popolo a Rovigo, numero 447, ma vi consiglio di telefonare prima così da mettervi d'accordo perché qualche volta fa anche delle visite a domicilio ad amici che chiedono consigli.

I suoi orari sono:  dalle 9.00 alle 12.30   e dalle 17.00 alle 20.00, chiuso il lunedì e il giovedì mattina. Il negozio di Diego si chiama L'Albero delle Esperidi e potreste avvistare la sua insegna se passate con la macchina davanti comunque lì attaccato c'è anche un negozio che vende vino sfuso. Spero che approfitterete della sua conoscenza per stare meglio senza avvelenarvi. Buona giornata.

Dove trovare l'Albero delle Esperidi erboristeria





Art.21 Costituzione

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria [cfr. art.111 c.1] nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l'indicazione dei responsabili.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni.

Un giovane viaggiatore in giro per il mondo

Viaggio attorno al mondo a piedi Come un vegetariano intelligente, accetta anche il fatto di mangiare la carne, per scopi culturali, ...